La mia foto
Passione per il patchwork, ricamo e cucito in genere. Figlia, sorella, moglie, lavoratrice, mamma di due splendide ragazze che mi hanno aiutato a creare questo blog. Sarò felice di conoscerti e della tua visita, e ti ringrazio se mi lascerai un commento!

lunedì 3 settembre 2012

Il primo patchwork di famiglia

Il primo patchwork di famiglia risale al lontano 1944, tempo di guerra, tempi dure per famiglie spesso numerose e prive di occupazione.
Mia nonna Carolina (donna dalle mille risorse) è sempre stata una persona molto ingegnosa, dalle mani d'oro e dalla mente raffinata.
Mia mamma doveva cominciare la scuola (1^ elementare) e non c'erano possibilità economiche, come si faceva mandare a scuola una bambina senza l'occorrente, seppur minimo indispensabile? Nonostante la maggior parte dei bambini fosse in queste condizioni, mia nonna non accettava il fatto che i suoi figli fossero sprovvisti del minimo necessario.
Sul retro della loro casa (in quegli anni abitavano alla periferia di Roma) c'era una fabbrica di pellami... e nel cortile di questa fabbrica c'erano sacchi di ritagli, scarti non utilizzabili destinati all'immondizia. Così mia nonna  raccolse parte di quei ritagli e li unì con la sua macchina da cucire Singer a pedale (oggi, tutta restaurata e perfettamente funzionante, collocata nel mio salotto) formando, così a sua insaputa, un patchwork... Ecco l'astuccio per le poche matite che mia mamma ebbe il suo primo giorno di scuola.

Certo, i nostri figli non lo accetterebbero mai,  vi posso, invece, garantire che fu molto apprezzato, tanto da essere tutt'ora conservato.
Ecco l'interno:

Lo tengo su una delle mesole della mia craft-room, ogni volta che lo guardo penso alla disperazione della gente di quegli anni, la guerra, la preoccupazione perchè i  mariti spesso erano disoccupati, i figli da crescere e  il pensiero di riuscire a mettere in tavola qualcosa da mangiare... penso che non siano stati momenti facili!
Mia nonna! Sempre presente nelle mie giornate.
A presto, Maresca.













3 commenti:

Paola Santini ha detto...

Che bella storia racchiude questo astuccio!
Complimenti per il tuo copri quaderno,è molto simpatico.
Ciao Paola

here comes the sun ha detto...

Tenerissimi i ricordi legati a questo astuccio! Parole che fanno davvero riflettere...! Io faccio il tifo per il tuo blog e mi sono iscritta! Se ti va di passare da me, mi farà piacere salutarti!
Maria Grazia (alias Here comes the sun)

Maresca ha detto...

Ciao Maria Grazia, ti ringrazio per essere una mia Follower, anch'io mi sono iscritta al tuo blog. E' davvero molto carino, fai delle cose deliziose.
Grazie e buona giornata